La filiera della birra tracciata in Blockchain


Si tratta dell’edizione speciale di Nastro Azzurro con Mais Nostrano.

A essere tracciata con la blockchain è la filiera di produzione e di trasformazione del Mais Nostrano, certificandone così al consumatore il suo intero percorso, dai campi alla tavola.

Birra distribuita in esclusiva nella catena di supermercati Esselunga, questa special edition Nastro Azzurro è tra le prime birre ad avvalersi della blockchain per tracciare la propria filiera. E lo fa per dare risalto in particolare a un suo ingrediente: il Mais Nostrano, una varietà di mais coltivata in Italia.

Per questa birra è stata realizzata un’etichetta particolare che riporta sul retro un QRcode che, scannerizzato con la fotocamera di uno smartphone, permette al consumatore di accedere a una serie di contenuti e informazioni relative al Mais utilizzato e al suo percorso dal campo alla tavola, passando per i vari step della filiera produttiva.

Nastro Azzurro Mais Nostrano – Qualità Certificata” è un progetto di tracciabilità tramite la Blockchain messo in piedi dal Campus Peroni, nato dalla collaborazione tra Birra Peroni e il CREA (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria), con l’obiettivo di promuovere la cultura della qualità, dell’innovazione innovazione e della sostenibilità nel settore agricolo e cerealicolo.

 


Potrebbero interessarti anche...